Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Case study
  • La body-box: uno strumento di indagine della contaminazione particellare

La body-box: uno strumento di indagine della contaminazione particellare

Vota questo articolo
(0 Voti)

La body-box è una camera di dispersione utilizzata per misurare i livelli di contaminazione particellare degli utilizzatori delle Clean Room. Questo dispositivo consente, nello specifico, di valutare l’efficacia dei capi d’abbigliamento e degli strumenti utilizzati negli ambienti controllati al fine di migliorarne la concezione

F. Béhar - G. Duval (Rentex-Elis) - Ascca News 3/2008

Presso il laboratorio di Seyssin, si utilizza una body-box per quantificare e distinguere le particelle e i biocontaminanti emessi da una persona in una specifica situazione. In questo articolo viene ripreso lo schema delle potenziali fonti di contaminazione presentato da S. Yanagisawa, G. Nakayama e O. Wada durante il congresso della Confederazione internazionale ICCCS (International Confederation of Contamination Control Societies) di Yokohama del 1994, dal titolo «Mechanism of particle contamination caused by a worker wearing a cleanroom  garment» (Meccanismo di contaminazione da particelle causato da un indumento per Clean Room). Questo approccio è particolarmente adatto in quanto isola le potenziali fonti di contaminazione per impatto diretto sui prodotti e perché rappresenta un tentativo di consolidare le emissioni complessive di un singolo individuo e di portarle ai livelli di pulizia degli ambienti ad atmosfera controllata conformi alla norma ISO 14644-1.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

Ultima modifica il Mercoledì, 16 Marzo 2016 16:36
Devi effettuare il login per inviare commenti