Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Cleaning
  • Bio-decontaminazione con vapore: una questione di efficienza

Bio-decontaminazione con vapore: una questione di efficienza In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sebbene, sia stata riconosciuta l’importanza di una bio-decontaminazione ordinaria con vapore nel mondo industriale, quello che non appare ancora chiaro come scegliere il giusto processo per una data applicazione. In questo articolo si confronteranno il perossido di idrogeno vaporizzato con il perossido di idrogeno nebulizzato, mostrando come sono generati, che proprietà fisiche hanno, le differenze di prestazioni e la corretta applicazione, in modo da chiarire i concetti di base

Steris  -  Dicembre 2019

Nel settore “life science” (farmaceutico e biotech), per mantenere la sterilità del prodotto e l'integrità della ricerca è fondamentale tenere sotto controllo la contaminazione. Per questo motivo, molte aziende e istituzioni hanno incluso nelle procedure operative standard (SOP) sia gli ambienti che le attrezzature per la bio-decontaminazione.
Il crescente successo della decontaminazione con VHP, ha portato a pensare a tecnologie alternative, sia a livello di prezzi che di prestazioni. L'alternativa più interessante riguarda i sistemi di nebulizzazione spray, noti anche come atomizzatori.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Ultima modifica il Lunedì, 09 Dicembre 2019 14:07
Devi effettuare il login per inviare commenti