Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Cleaning
  • I residui dei disinfettanti: una sfida ora contemplata nell’Annex 1

I residui dei disinfettanti: una sfida ora contemplata nell’Annex 1 In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Disinfettanti molto comuni e largamente impiegati, rilasciano significativi residui sulle superfici, diminuendo l’azione del disinfettante stesso. Contec ha analizzato alcuni dei disinfettanti più comunemente usati in camera bianca, per affrontare questo problema

K. Rossington (Contec) -  Marzo 2020   

I riferimenti al “cleaning” e alla disinfezione sono stati ampliati nella nuova versione dell’Annex 1 (attualmente in forma di bozza), così come il termine "pulizia" è stato sostituito con "pulizia e disinfezione". Nella bozza si stabilisce che "affinché la disinfezione sia efficace, è necessario eseguire prima una pulizia atta a rimuovere la contaminazione superficiale".
Oltre al fatto che un residuo può inibire l'efficacia del disinfettante o favorire la crescita microbica, i residui possono impattare negativamente sulla sicurezza (rendendo i pavimenti scivolosi ad esempio) o favorire il trasferimento della contaminazione sui prodotti con cui vengono a contatto. Senza dimenticare problemi funzionali o puramente estetici della facility che potrebbe apparire “non pulita”.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Ultima modifica il Lunedì, 09 Marzo 2020 09:19
Devi effettuare il login per inviare commenti