Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Farmaceutico
  • Metodi di Computational Fluid Dynamics (CFD) nella barrier technology

Metodi di Computational Fluid Dynamics (CFD) nella barrier technology In evidenza

Vota questo articolo
(1 Vota)

Tra le molteplici sfide incontrate nel design e qualifica dei sistemi a barriera, necessari per raggiungere e mantenere la condizione asettica in linee di fill-finish o in sistemi stand-alone come isolatori per trasferimento materiali, dispensing e sterility testing, la gestione della dinamica dell'aria o dei fluidi all'interno degli impianti riveste un ruolo cruciale. In uesto contesto, lutilizzo dei metodi di Computational Fluid Dynamics (CFD) si configura come una risorsa preziosa e spesso fondamentale in ottica sia di Quality by Design ovvero come supporto diretto alla progettazione delle zone classificate e delle macchine integrate in questi contesti, ma anche come metodologia per l'analisi dei rischi e supporto alla validazione per mezzo di smoke studies. In questo articolo verranno mostrate le diverse possibilità computazionali all'interno dei metodi di calcolo CFD con alcuni esempi

G. Guidi (Ima Life) - S. Annoni (HPE Group) - Ascca News 2/2024

I metodi di calcolo Computational Fluid Dynamics (CFD) utilizzano equazioni matematiche complesse per simulare il comportamento dei fluidi in ambienti solitamente tridimensionali. Vengono usati i modelli 3D reali di una macchina o di un impianto come punto di partenza delle simulazioni. Le equazioni descrivono le leggi fondmaentali della fluidodinamica, come la conservazione della masssa, della quantità di moto e dell'energia. Per risolverlem si suddivide il dominio fluido in una griglia tridimensionale di elementi più piccoli chiamati celle o volumi di controllo. Parte della complessità dello studio risiede spesso in questa fase, che richiede una specifica competenza per valutare la giusta dimensione della griglia evitando o di perdere di rosulizione e rischiare di ottenere un modello non realistico, oppure avere troppi elementi nella mesh e non riuscire a gestire computazionalmente il modello (che richiederebbe tempi e potenza di calcolo troppo elevata).  

EMAIL    registrati    azienda

Commenta l'articolo 
o richiedi informazioni 

   Registrati ora
al sito 
 
Info
Azienda
 
Ultima modifica il Lunedì, 24 Giugno 2024 16:12
Devi effettuare il login per inviare commenti