Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Farmaceutico
  • Gli impianti per il controllo della contaminazione aerotrasporata - Parte 4

Novità dalle Aziende

  • I purificatori d'aria alleati contro i virus

    Una delle vie di trasmissione riconosciute di virus influenzali e corona virus COVID-19 è attraverso goccioline che si formano a seguito di
  • BioTrends Mobile per dispositivi Android

    Archilex (www.biotrends.ch) ha lanciato la nuova versione di BioTrends Mobile appositamente progettata per i dispositivi portatili dotati di sistema operativo Android. Grazie a questa nuova
  • Generatore pneumatico di aerosol

    Lesatec Srl (www.lesatec.com) presenta un nuovo generatore pneumatico sviluppato per permettere di effettuare al meglio il test di perdita sui filtri HEPA con
  • Disinfezione dell'aria negli ambienti chiusi con Novaerus

    Ogni anno nel mondo si verificano milioni di infezioni nosocomiali. In Italia, ad esempio, ve ne sono state oltre 700 mila fino
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Gli impianti per il controllo della contaminazione aerotrasporata - Parte 4 In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

In questa quarta parte ci si soffermerà su come individuare i parametri utili per il controllo degli impianti e le ricadute che questo ha nel progetto dei sistemi al fine di aumentarne l'affidabilità

L. Sabatini  (Lesatec Srl) -  Ascca News 4/2019

Specifiche di progetto
Il progetto di un reparto a contaminazione controllata parte dalla accurata definizione del sito di installazione e del processo produttivo che vi deve essere svolto. Un elenco delle informazioni che progettista ed utilizzatore si devono scambiare è riportato nella ISO 14644/4 e quindi non ci soffermeremo sull'argomento specifico demanando alla norma la trattazione esaustiva. Alla fine del percorso di analisi occorre aver definito:
- le fasi del processo, le apparecchiature necessarie per ogni fase ed il relativo flusso dei materiali e del personale;
- le caratteristiche di contaminazione ambientale ritenute idoenee per ogni singola fase;
- il concetto di controllo della contaminazione da utilizzare per ogni fase;
- l'eventuale ripartizione delle fasi del processo in più ambienti dedicati in funzione delle operazioni, delle apparecchiature e delle condizioni ambientali;
- le leggi, norme e regolamenti sulla sicurezza applicabili al sito di installazione.
Questi dati, insieme agli altri riportati nella norma, devono rendere possibile l'elaborazione della planimetria condivisa del reparto completa delle prescrizioni ambientali necessarie e sufficienti per permettere il dimensionamento degli impianti VCCC.



Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

 

Ultima modifica il Giovedì, 18 Giugno 2020 13:57
Devi effettuare il login per inviare commenti

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2