Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Novità dalle Aziende

  • Tuta IsoClean(R) IC193-B: barriera costante contro particelle e microrganismi

    DuPont Personal Protection (www.dupont.com) fornisce uno dei marchi più affidabili e innovativi del settore, come DuPont™ Tyvek® e DuPont™ Tyvek® IsoClean®,
  • Diffusore Krantz LAB-V a flusso ibrido per laboratori

    FCR (www.fcr.it) presenta il nuovo diffusore a flusso ibrido Krantz LAB-V appositamente sviluppato per l’utilizzo nei laboratori dotati di cappe aspiranti.
  • CLiMET CI-97 Campionatore microbiologico ad alta efficienza

    Rigel Life Sciences (www.rigellifesciences.com/), azienda specializzata nella gestione, monitoraggio e convalida all’interno di ambienti a contaminazione controllata e rivenditore esclusivo
  • Sterytek 2000 SP-HO - Isolatori per manipolazioni asettiche

    Tecninox (www.tecninox.com) presenta una linea di isolatori dedicata alla manipolazione di API sterili in condizioni asettiche. Lo STERYTEK 2000 SP-HP viene
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Oggi più che mai le cappe chimiche stanno vivendo un momento di transizione. Questi strumenti, essenziali per la salvaguardia della salute e della sicurezza degli operatori impegnati nei laboratori in cui sussiste rischio chimico, sono al centro di un dibattito mirato a migliorarne la gestione in qualità aumentando la protezione dei lavoratori. In questo articolo si presenterà un breve excursus sulle attività di normazione

L. Strada (Struttura di Raccordo del Servizio di Prevenzione e Protezione - Università di Pavia) -  Ascca News 1/2022

Il D.Lgs 81/08, cd testo unico sulla sicurezza, pone in capo al datore di lavoro una serie di adempimenti, tra i quali la messa a disposizione dei lavoratori di attrezzature conformi ai requisiti di sicurezza e idonee al tipo di utilizzo previsto; inoltre, devono essere garantite, per tali attrezzature, regolare manutenzione e verifica periodica del rispetto dei requisiti. Infine, nella gerarchia degli interventi si chiede al datore di lavoro di dare priorità ai dispositivi di protezione collettiva (T.U., Titolo II, capo I, art. 64, Titolo III, Capo I, 70, 71 e allegati V e VI e Titolo IX, capo I, art. 225). 
Le cappe chimiche sono i dispositivi di protezione collettiva utilizzati nei laboratori, o più in generale negli ambienti di lavoro, al fine di ridurre la potenziale esposizione a sostanze chimiche dei lavoratori. Storicamente, fin dalla pubblicazione del manuale Sax’s “Dangerous Properties of Industrial Materials”, 10th Edition edito negli anni ’50, considerato una pietra miliare per coloro che dovevano fare una valutazione del rischio da esposizione alle sostanze chimiche, si è fatto riferimento al parametro della velocità frontale per valutare la prestazione di una cappa. Oggi, però, il riferimento a tale parametro appare anacronistico.

 

EMAIL    registrati   

Commenta l'articolo 
o richiedi informazioni 

   Registrati ora
al sito 
 
Pubblicato in Normative

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2