Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Classi di contaminazione

Novità dalle Aziende

  • Una nuova generazione di pass-box

    Grazie a una vasta esperienza nella biodecontaminazione ambientale utilizzando sistemi a perossido di idrogeno a basse concentrazioni (<8%), AM Instruments (www.aminstruments.com) presenta un nuovo pass-box
  • Sistema automatizzato di disinfezione ad alto livello "no touch"

    Amil Care Italia (www.amilcareitalia.com) è un’azienda specializzata in progettazione, sviluppo e realizzazione di New Automated Technologies per standardizzare i processi di disinfezione in ambienti
  • Orologio da parete 4.0 Hazel(R) TEMPUS: più che un orologio...

    Hazel® TEMPUS è un orologio smart da parete progettato da DOS&DONTS (www.dos-donts.com) per applicazioni in ambienti a contaminazione controllata.Questo nuovo dispositivo può essere utilizzato
  • Sistema di abbigliamento integrato - Tuta Cyclop

    L’essere umano, all’interno di una cleanroom, è il più grande inquinatore e può avere un impatto negativo sul processo di produzione disperdendo particelle
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Termina con questo articolo la trattazione degli impianti per il controllo della contaminazione. Si è partiti dai concetti di contaminanti e di controllo della contaminazione, per poi passare ai metodi per l'abbattimento ed il contenimento della contaminazione aerotrasportata, presentando quindi le metrodologie di calcolo. Ci si è infine soffermat sugli aspetti che permettono di impostare una corretta progettazione degli impianti in funzione del soddisfacimento dei requisiti tecnici, economici e di affidabilità ritenuti necessari per la fabbricazione dei prodotti o il conseguimento dei livelli di sicurezza. Non resta ora che affrontare un altro importante argomento: il dimensionamento degli impianti VCCC, e verrà fatto attraverso l'esempio di un impianto effettivamente costruito in ambito farmaceutico

L. Sabatini  (Lesatec Srl) -  Ascca News 1/2020

Alcune note sul dimensionamento: valutazione delle sorgenti di particolato 
Per quanto concerne l'entità delle sorgenti, si possono utilizzare i dati sotto riportati o altri dati presenti in letteratura.
Accanto a queste sorgenti occorre anche tenere in considerazione un ulteriore sorgente nascosta, ovvero la portata di aria di infiltrazione con il suo carico di particelle. Difatti se consideriamo una bussola di sicurezza ed il collegato ambiente di lavoro, eventualmente in classe ISO 8, l'aria di infiltrazione attraverso la porta avrà un carico particellare intorno alla UCL della ISO 8, mentre l'aria di ingresso tramite il filtro HEPA avrà un carico particellare praticamente nullo. Spesso, in condizioni di lavoro, il carico particellare che arriva per infiltrazione nei locali ancillari è superiore alla produzione propria

Valutazione della portata per abbattere la contaminazione interna
[...] 

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati.
Clicca qui per registrarsi 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Ingegneria

Si dice spesso che per guardare al futuro, si debba conoscere il passato. Da questo numero torniamo ai conetti base della tecnologia delle camere bianche, illustrati da uno dei principali esperti in questo campo.
Su questo numero, partendo dai campi di applicazione delle installazioni a contaminazione controllata, ci si soffermerà sulla misura del particolato aerotrasportato, si parlerà di contaminanti gassosi e radioattivi e si illustreranno le varie classi di contaminazione

L. Sabatini  (Lesatec Srl) -  Ascca News 1/2019

In  molte attività lavorative occorre che l'aria degli ambienti di produzione soddisfi requisiti termoigrometrici e di pulizia idonei alla buona riuscita del ciclo di produzione oltre a quelli legati al benessere degli operatori. 
Quando ciò viene realizzato si dice che l'installazione è "a contaminazione controllata". I fini per i quali si realizzano queste installazioni possono essere:
- protezione del prodotto dall'ambiente
- protezione dell'ambiente dal prodotto
- protezione del prodotto dall'operatore
- protezione dell'operatore dal prodotto
- protezione incrociata operatore - prodotto - ambiente di lavoro - ambiente esterno
Applicazioni di queste tecnologie si possono avere in molteplici settori.
Da un punto di vista dell'approccio teorico non vi è differenza tra i metodi di progetto in funzione del settore di applicazione, in quanto le diversificazioni riguardano massimamente le sole tecnologie applicative e i risultati più o meno spinti da persesguire. L'analisi è pertanto quasi sespre riconduicibile a modelli standardizzabili, come mostreremo. 

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati.
Clicca qui per registrarsi 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Farmaceutico

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2