Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Diagnosi di contaminazione

Novità dalle Aziende

  • Contatori di particelle Apex Lighthouse compatibili con decontaminazione in VHP

    AM Instruments (www.aminstruments.com), distributore esclusivo Lighthouse in Italia, annuncia i risultati di test effettuati sui contatori di particelle, portatili e per installazioni fisse,
  • SMART CABINET: la novità assoluta per ottimizzare la gestione degli abiti da lavoro all'interno dell'azienda

      Per richiedere ulteriori informazioni inviare un'e-mailAscca News 1/2022
  • Consulting GXP, Training & Auditing: i nuovi servizi di Ellab

    Ellab (www.ellab.com) è un’azienda leader globale nella fornitura di soluzioni e servizi di convalida, monitoraggio e taratura accreditata (ISO17025). La qualità, la flessibilità e
  • Impattore monouso per campionamenti microbiologici in continuo

    Particle Measuring Systems (www.pmeasuring.com) presenta l’impattore microbiologico BioCapt® Sigle-Use, una soluzione unica ed innovativa che permette di eseguire i campionamenti microbiologici attivi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Nell’industria farmaceutica, le operazioni di decommissioning possono essere eseguite a seguito di chiusura o cessione di un sito, cambio produttivo o incidente. Le attività possono coinvolgere l’intero sito o soltanto una specifica area o impianto. In tutti i casi, è necessario considerare e mitigare il rischio di contaminazione chimica che può interessare la salute dei lavoratori, della popolazione circostante, l’ambiente, oltre alla produzione corrente e futura nel sito. Questo caso pratico ci aiuta a capire come un team di aziende (Curium, Jobbing e Techno One) ha svolto una diagnosi di contaminazione e smantellamento di un impianto HVAC in ambito farmaceutico

A. Chtorkh (Curium SA) -  Ascca News 1/2022

I rischi chimici sono connessi a tutte le attività, passate e presenti, del sito. Quando la tipologia di produzione è stata modificata diverse volte senza che siano state messe in atto adeguate precauzioni per gestire la contaminazione, si tratta di vere e proprie “generazioni” di contaminanti che interessano anche le strutture che non sono in diretto contatto con la produzione come, ad esempio, altri impianti, contro-soffitti, locali tecnici. Persino in condizioni operative che soddisfano le norme di sicurezza, un incidente insignificante come un’infrazione alla procedura della sostituzione dei filtri può portare all’inattesa diffusione della contaminazione nell’area operativa.
Poiché alcune sostanze possono essere altamente tossiche, persino a concentrazioni estremamente basse, durante le operazioni di smantellamento tali sostanze possono venire a contatto con gli operatori e rappresentare un grave rischio per la loro salute e per l’ambiente. Nel caso di cessione degli impianti, è essenziale che l’acquirente sia correttamente informato dei rischi derivanti dai residui presenti in modo da poter effettuare le scelte più opportune (decontaminare, implementare nuove misure di protezione collettiva o individuale, ecc.).

 

 

EMAIL    registrati    azienda

Commenta l'articolo 
o richiedi informazioni 

   Registrati ora
al sito 
 
Info
Azienda
 
Pubblicato in Cleaning e Sanificazione

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2