Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Novità dalle Aziende

  • Una nuova generazione di pass-box

    Grazie a una vasta esperienza nella biodecontaminazione ambientale utilizzando sistemi a perossido di idrogeno a basse concentrazioni (<8%), AM Instruments (www.aminstruments.com) presenta un nuovo pass-box
  • Sistema automatizzato di disinfezione ad alto livello "no touch"

    Amil Care Italia (www.amilcareitalia.com) è un’azienda specializzata in progettazione, sviluppo e realizzazione di New Automated Technologies per standardizzare i processi di disinfezione in ambienti
  • Orologio da parete 4.0 Hazel(R) TEMPUS: più che un orologio...

    Hazel® TEMPUS è un orologio smart da parete progettato da DOS&DONTS (www.dos-donts.com) per applicazioni in ambienti a contaminazione controllata.Questo nuovo dispositivo può essere utilizzato
  • Sistema di abbigliamento integrato - Tuta Cyclop

    L’essere umano, all’interno di una cleanroom, è il più grande inquinatore e può avere un impatto negativo sul processo di produzione disperdendo particelle
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Nell'industria farmaceutica, la necessità di ridurre al minimo il rischio di contaminazione microbiologica durante l'introduzione di materiali in aree stereili è uno degli aspetti più sfidanti. Dove non è possibile limitarne la movimentazione, utilizzare dei pass-box può essere la soluzione migliore. In questo articolo si affronteranno alcuni aspetti legati alla loro progettazione e qualifica

C. Masciola (AM Instruments) -  Ascca News 1/2020

All'interno di un'industria farmaceutica, una delle sfide maggiori è ridurre la minimo il rischio di contaminazione microbiologica durante l'introduzione di materiali in aree sterili. Una soluzione frequentemente adottata è quella di diminuire l'attività di movimentazione del mateariel per preservare la classificazione e mantenere l'integrità di prodotti e processi. Ma non è sempre possibile.
Anche l'utilizzo di materiali sterili, in doppio o triplo imbusto, e l'applicazione di tecniche di sterilizzazione a caldo (autoclave) hanno parzialmente ridotto il problema senza eliminarlo del tutto. 
Tenendo presente il rischio microbiologico elevato durante la fase di trasferimento materiali, l'attenzione massima va dedicata proprio alla progettazione e alla realizzazione dei pass-box che rappresentano la reale "barriera" tra le aree di grado diverso.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati.
Clicca qui per registrarsi 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Farmaceutico

L’effetto germicida delle radiazioni UV-C riguarda batteri, virus, spore, funghi, muffe ed acari. Esso è dovuto soprattutto all’effetto distruttivo esercitato dalle radiazioni UV-C sul loro DNA, andando a danneggiare il loro apparato riproduttivo e impedendone quindi la crescita e la moltiplicazione

P. Bucaioni (Light Progress Snc) - Ascca News 4/2004

I microrganismi sono forme di vita primitive e rappresentano la forma di vita più semplice includendo protozoi, virus, batteri e muffe. Sono organismi di dimensioni variabili fra 0,01 e 100 mm. Si suddividono, partendo dai più piccoli, in: virus, batteri, funghi, protozoi ed alghe.
Si suddividono anche in organismi unicellulari e pluricellulari. I Virus sono organismi privi di cellula propria; per vivere e riprodursi devono annidarsi nelle cellule di altri esseri viventi. La morte dei microrganismi si manifesta con la perdita della capacità di crescere e moltiplicarsi. Si può dire che un microrganismo muoia quando perde la capacità di dividersi in più cellule. Esistono diverse tecniche per rendere inattivi i microrganismi. Le principali sono: (1) la sterilizzazione, ossia l’inattivazione di tutti i microrganismi presenti; (2) la pastorizzazione, ossia l’eliminazione, tramite calore prolungato, di tutti i germi patogeni e la riduzione fino al 99% della microflora saprofitica; (3) la disinfezione, intesa come un’azione tendente a ridurre al massimo la presenza di germi patogeni fino a raggiungere la completa sterilizzazione, utilizzando sia mezzi fisici (riscaldamento secco, riscaldamento umido, filtraggio, irradiazione) che mezzi chimici (alcool, fenolo, cloro, antibiotici e altro) permettendo inoltre la riduzione di alcuni Log.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA 
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

Pubblicato in Cleaning e Sanificazione

La presente documentazione ha lo scopo, oltre che di presentare il prodotto, anche di fornire delle direttive circa l'applicazione dei sistemi di disinfezione a raggi UVC. Per ragioni di regolamentazioni che ogni diverso Paese ha in materia sanitaria è assolutamente indispensabile che l'utilizzatore stesso sia perfettamente consapevole di come i suddetti suggerimenti siano in accordo con le relative norme che lo riguardano

A. Palmieri (Deserti Srl – Castel San Pietro Terme – BO) - Ascca News 2/2007

I batteri presenti nell’aria e nell’acqua sono la causa della rapida decomposizione degli elementi deperibili e delle malattie negli esseri umani e negli animali. Mediante l’effetto del trattamento con i raggi ultravioletti i germi presenti nell’aria, nell’acqua o sulle superfici possono venire
bloccati nella loro crescita senza l’utilizzo di sostanze chimiche e quindi definitivamente eliminati. Questa tecnologia è ecologica, veloce, efficace ed affidabile. La disinfezione a raggi ultravioletti presenta notevoli vantaggi in quanto non comporta l’utilizzo di additivi chimici. Viene anche completamente evitata la formazione di mutazioni dovute alla resistenza da parte dei microrganismi trattati. I sistemi di decontaminazione UVC rendono quindi possibile lo stoccaggio igienico e il mantenimento di condizioni igieniche in laboratori, ospedali, industrie alimentari e farmaceutiche.
Già prima del XX secolo venne scoperto per la prima volta che i microorganismi, se sufficientemente esposti alla luce del sole, non si riproducevano ulteriormente.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

 

Pubblicato in Cleaning e Sanificazione

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2