Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Visualizza articoli per tag: Produzioni non sterili

Novità dalle Aziende

  • Operazioni di cleaning di alta qualità

    IWT Srl (www.iwtpharma.com), azienda 100% italiana, si propone come partner ideale nella fornitura e validazione di sistemi di lavaggio innovativi, performanti ed in
  • Impianti per la microfiltrazione dell'aria

    Genano (www.genano.com), gruppo Finlandese leader nel settore medicale da oltre 20 anni, basa il proprio core-business sulla progettazione e vendita di impianti compatti destinati
  • Piani di campionamento microbiologico in cleanroom in accordo a USP

    Gli standard applicati in camera bianca richiedono che il monitoraggio della contaminazione microbica venga eseguito durante la normale giornata di lavoro. Il volume di
  • Nuovo sistema per la rilevazione e il conteggio totale delle cellule (TCC) nelle acque PW e WFI

    La qualità dell’Acqua Purificata (PW) e dell’Acqua per Preparazioni Iniettabili (WFI), definita dalla USP e Ph. Eur. deve sempre essere impeccabile in ogni
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Abbiamo più volte sottolineato quanto sia importante effettuare un monitoraggio ambientale nei reparti produttivi (sia in caso di produzioni sterili che non sterili). In questo articolo ci si focalizzerà sui concetti generali di monitoraggio ambientale per poi soffermarsi sulla stesura del piano di monitoraggio, sulle figure chiamate alla sua costruzione nonchè su alcuni punti deboli di un sistema di controllo.

S. Bruschi (Angelini) - C.M. Colombo (Edmond Pharma - Recipharm) - L. Pergola (Doppel) - A. Pinzani (Istituto de Angeli - Fareve) - C. Viganò (IBSA) -  Ascca News 3/2018

Il monitoraggio ambientale ha lo scopo di verificare che i reparti produttivi offrano garanzie di qualità continua, operando all'interno dei criteri di accettazione stabiliti. I test che vengono effettuati sono parte di un più ampio piano di controllo ambientale che considera diversi fattori: progettazione e caratteristiche di impianti e servizi, procedure di pulizia, gestione del personale, flussi di materiale. I risultati del monitoraggio consentono di valutare l'efficacia di tale piano di controllo e di identificare potenziali fonti di contaminazione, permettendo conseguentemente l'implementazione di idonee azioni correttive per evitare la contaminazione del prodotto.
La costruzione di un piano di monitoraggio ambientale rappresenta una delle attività maggiormente complesse delle aziende farmaceutiche. Generalmente il "disegno" delle attività viene affidato, per procedura o per gestione interna, ad un suolo ruolo, che in alcune aziende viene interpretato dal Quality Assurance, in altre dal Microbiologo del Controllo Qualità. E' preferibile, invece, che le due funzioni collaborino e che vengano coinvolti anche Ingegneria e Produzione. Costruire un piano di monitoraggio ambientale significa prima di tutto conoscere gli ambienti classificati, i macchinari ed i materiali presenti all'interno, i flussi d'aria, i flussi esterno/interno di materiale e personale ed i processi.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Farmaceutico

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2