Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Novità dalle Aziende

  • Sterilizzazione a perossido di idrogeno: una realtà conveniente e vantaggiosa

    Nel gennaio 2024, il perossido di idrogeno è stato incluso dalla FDA nell’elenco delle tecnologie di sterilizzazione di classe A insieme a
  • IWT: non solo macchine di lavaggio!

    Con oltre 30 anni di esperienza nel lavaggio automatizzato per l’industria farmaceutica, IWT (www.iwtpharma.com), divisione Pharma del Gruppo Tecniplast, è il miglior
  • Nuove soluzioni in ottica "zero sprechi"

    In occasione di Achema 2024, Steriline (www.steriline.it), ha presentato una macchina riempitrice robotica per flaconi (RVFM5) in grado di soddisfare tutte quelle
  • Misura dei parametri ambientali nei laboratori e nelle clean room: il nuovo strumento multifunzione testo 400

    Testo (http://www.testo.it) presenta la nuova generazione di strumenti per la misura dei parametri ambientali. Il nuovo testo 400 è lo strumento universale
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Nell'Annex1 sono indicate le linee generali per il progetto e la gestione di tutto ciò che costituisce la parte produttiva di un'installazione così come i metodi di controllo e verifica delal qualià prevista per i prodotti farmaceutici sterili e non. In questo articolo si illustreranno alcune tecniche di analisi del rischio da utilizzare per essere conformi a quanto richiesto dell'Annex1 (comprese quelle relative alla progettazione dei sistemi). Verranno inoltre condivise alcune indicazioni che hanno conseguenze dirette sulla progettazione

L. Sabatini (Lesatec Srl) - Ascca News 2/2024

Lo strumento principale indicato per il conseguimento della qualità richiesta  il programma di gestione del rischio per la qualità - QRM - che, a prescindere dai nodi decisionale, può esssere schematizzato in quattro grandi blocchi. L'Annex1 specifica gli aspetti che l'impiantista - per ottemperare a quanto accennato sopra - deve valutare. Il sistema di controllo, a sua volta, deve dimostrare che il progetto, è stato approvato, le procedure sono state correttamente implementate e che le prestazioni certificate, in linea con le aspettative, sono mantenute nel tempo (il solo monitoraggio o le misure non garantiscono il conseguimento della qualità). Per stabilire ciò che è adeguato, si deve definire una valida stragetia di controllo della contaminazione (Contamination Control Strategy - CCS) da porre in atto per mezzo delle scelte delle idonee attrezzature e impianti, procedure e controlli diffusi. Tutto ciò nececssita di approfondite conoscenze del processo, delle tecniche e delle tecnologie.  

EMAIL    registrati    azienda

Commenta l'articolo 
o richiedi informazioni 

   Registrati ora
al sito 
 
Info
Azienda
 
Pubblicato in Normative

L'esperienza maturata dagli autori aiuta a fornire una serie di spunti di riflessione per evidenziare le principali differenze e similitudini tra le normative farmaceutiche e cosmetiche. Tale condivisione di informazioni vuole rappresentare un aiuto per coloro i quali si trovino nella condizione di dare supporto sia ad aziende farmaceutiche che cosmetiche, anche se in entrambe le realtà, il controllo della contaminazione rappresenta un componente critico del lavaoro di chi produce e di chi progetta. Nel prosieguo dell'articolo si esamineranno delle casistiche con le quali le società di ingegneria si dovranno raffrontare qualora sia richiesto di trasformare delle necessità (URS - User Requirements Specification) in un progetto

A. Mussolin - G. Dalmaso (Palladio Consulting Srl) - Ascca News 2/2023

L’industria farmaceutica e quella cosmetica sono regolamentate da differenti enti e conseguenti normative, che mirano a garantire la sicurezza, l’efficacia e la qualità dei prodotti. Esistono comunque aspetti similari e peculiari tra le due normative, in particolare riguardo agli aspetti di qualità e sicurezza.
Il regolamento UE 1223/2009, definisce come cosmetico “qualsiasi sostanza o miscela destinata ad essere applicata sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo esclusivamente o prevalentemente di pulirli, profumarli, modificarne l’aspetto, proteggerli, mantenerli in buono stato o correggere gli odori corporei”.
Nonostante da questa definizione si deduca che i prodotti cosmetici possono essere applicati solo su superfici esterne del corpo, le disposizioni normative in materia di cosmetici non precludono la possibilità che gli stessi siano preparati e ripartiti nel contenitore primario in condizione di sterilità. Tuttavia, un prodotto cosmetico non può e non deve essere iniettato, come stabilito dallo stesso regolamento UE n.1223/2009, all’articolo 2, paragrafo 2, per il quale “ai fini del paragrafo 1, lettera a), una sostanza o miscela destinata ad essere ingerita, inalata, iniettata o impiantata nel corpo umano non è considerata prodotto cosmetico

 

 

EMAIL    registrati    azienda

Commenta l'articolo 
o richiedi informazioni 

   Registrati ora
al sito 
 
Info
Azienda
 
Pubblicato in Ingegneria

Scopo di questo intervento è affrontare le tematiche legate all'adozione della catena del freddo (denominata anche Cold Chain Management) nell'ambito di un processo di produzione nel settore del farmaco. A tal fine se ne illustreranno i concetti chiave e l'approccio da seguire

L. Arrighi (Amec Foster Wheeler - Corsico - MI) - Ascca News 3/2016

Il Cold Chain Management è definito come il processo di distribuzione di un prodotto che deve essere mantenuto entro un definito campo di temperatura. Il crescente interesse per il Cold Chain Management applicato ad un'officina di produzione del farmaco è diretta conseguenza di quattro aspetti concomitanti che sono:
- la sempre maggior diffusione di prodotti aventi questi requisiti (ad esempio molti vaccini) con l'aumento dei relativi volumi di produzione;
- la maggior complessità produttiva di alcune tipologie di prodotti che ne richiede più step produttivi;
- la stabilità delle molecole (intese sia come API che come prodotto finito);
- la globalizzazione ovvero la necessità di movimentare sempre più o prodotto attivo (API) o prodotto finito esponendolo potenzialmente a molti più ambienti (locali di stoccaggio, campionamento, lavorazione, stoccaggio in process, spedizione, automezzi, aerei, magazzini esterni all'officina di produzione).
Conseguentemente all'evoluzione del mercato, in anni recenti l'attenzione al tema si è sviluppato da più parti; da un lato gli enti regolatori hanno sentito il bisogno di meglio definire la materia, dall'altro le società farmaceutiche e chi vi opera hanno avuto la necessità di condividere le problematiche e le esperienze in tale settore fino a poco tempo fa poco discusse

 

Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

 

 

 

 

Pubblicato in Farmaceutico

A volte è interessante prendersi del tempo per guardare il passato, fare un punto della situazione, analizzare le principali innovazioni che si sono presentate al fine di comprenderle meglio e non semplicemente subirle, e tutto questo per poter trarre spunti per il futuro. In un mondo globalizzato come il nostro, diventa inoltre importante conoscere quello che è stato fatto in altri paesi. Ecco perché prendiamo spunto dalla acquisita e comprovata esperienza di Dagard (società francese rappresentata in Italia da Vematech) per vedere come è cambiato, il concetto della struttura nelle camere bianche

D. Quinet (Dagard Cleanroom) - Giugno 2016

Le camere bianche nascono nella "Silicon Valley" in California per rispondere ad una richiesta di maggior qualità nella produzione dei componenti elettronici.
In Europa – specialmente in Francia – le camere bianche si sono sviluppate nel campo farmaceutico e dei laboratori di ricerca, vista la tendenza dell’industria elettronica a migrare verso i paesi del Sol Levante.
Si è così assistito, nel corso degli ultimi 30 anni, ad un aumento delle camere bianche con una sempre maggior industrializzazione dei suoi elementi strutturali.
Dalle prime realizzazioni “artigianali” si è arrivati ai moderni sistemi prefabbricati e industriali, sempre più sofisticati, rapidi da installare e incorporanti un numero crescente di funzioni tecniche o di servizio.
Va subito detto che se comunque nel campo delle strutture, questi ultimi dieci anni non hanno visto la nascita di “innovazioni spettacolari”, il significativo allargamento dei settori utilizzanti le camere bianche ha comportato delle modifiche sostanziali delle stesse.

 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

 

Pubblicato in Case study

L’ambiente ospedaliero è, senza ombra di dubbio, uno dei settori in cui le tecnologie di controllo della contaminazione possono essere impiegate con grande beneficio per le persone con gravi malattie. Un’applicazione del controllo spinto della contaminazione microbica è quella dei reparti di degenza di pazienti immunodepressi

S. Mauri (BioCom) - Ascca News 1/2000

Nei blocchi sterili vengono generalmente curate malattie del sangue come la leucemia e alcune forme di tumori. I pazienti subiscono chemioterapie atte ad inattivare drasticamente le cellule tumorali, con conseguente uccisione anche dei globuli bianchi che sono la barriera immunitaria contro le infezioni provocate da microrganismi presenti nell'ambiente in cui vive il malato. Vengono quindi trapiantate cellule sane in grado di combattere autonomamente con le cellule tumorali.
L'impianto oggetto di questa relazione è stato realizzato presso il reparto di oncologia pediatrica dell'IRCCS - Burlo Garofalo di Trieste, dono dell'Associazione Genitori dei Bambini che hanno subìto terapia di trapianto del midollo osseo - A.G.M.E.N. - Friuli Venezia Giulia. L'Associazione ha investito circa 1 miliardo di lire per realizzare un reparto con 9 stanze singole di degenza sterile, un reparto di day hospital e una serie di locali di supporto. Si tratta senz'altro di uno dei più grossi centri di oncologia pediatrica a livello europeo

 
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

 

Pubblicato in Ospedaliero
Pagina 1 di 2

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2