Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Novità dalle Aziende

  • Sterilizzazione a perossido di idrogeno: una realtà conveniente e vantaggiosa

    Nel gennaio 2024, il perossido di idrogeno è stato incluso dalla FDA nell’elenco delle tecnologie di sterilizzazione di classe A insieme a
  • IWT: non solo macchine di lavaggio!

    Con oltre 30 anni di esperienza nel lavaggio automatizzato per l’industria farmaceutica, IWT (www.iwtpharma.com), divisione Pharma del Gruppo Tecniplast, è il miglior
  • Nuove soluzioni in ottica "zero sprechi"

    In occasione di Achema 2024, Steriline (www.steriline.it), ha presentato una macchina riempitrice robotica per flaconi (RVFM5) in grado di soddisfare tutte quelle
  • Misura dei parametri ambientali nei laboratori e nelle clean room: il nuovo strumento multifunzione testo 400

    Testo (http://www.testo.it) presenta la nuova generazione di strumenti per la misura dei parametri ambientali. Il nuovo testo 400 è lo strumento universale
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

La ISO 14644/4 è la norma che riguarda i requisiti per la progettazione e la costruzione di camere bianche. Anche in questa nuova versione non si prescrivono specifiche tecnologie o strumenti contrattuali per conseguire i risultati richiesti ma si specifica il processo per realizzare o ristrutturare una cleanroom, partendo dai requisiti richiesti, per mezzo della sua progettazione, costruzione e messa in marcia. La partecipazione dell'autore al Gruppo di Lavoro che ha realizzato lo standard permette di presentare non solo gli aspetti che maggiormente caratterizzano questa nuova versione dello standard ma anche qualche spunto critico che può generare discussione

L. Sabatini (Lesatec Srl) - Ascca News 1/2023

Lo standard emesso nel novembre 2022 si rivolge a coloro che possono essere coinvolti nell’iter realizzativo, siano essi utenti, estensori di specifiche, progettisti, acquirenti, fornitori, costruttori e verificatori di prestazioni. Nei 9 capitoli e 4 appendici informative, fornisce adeguate liste di controllo per le varie fasi di avanzamento del processo di realizzazione partendo dalla considerazione che la concentrazione di particolato aerotrasportato è l’elemento fondamentale per la pulizia. Vengono anche introdotti elementi di progettazione finalizzati a migliorare l’efficienza energetica delle installazioni e la continuità delle prestazioni.
In questo articolo si analizzeranno le parti e le appendici che la caratterizzano maggiormente, ossia i capitoli dal 6 al 9 (e relative appendici). Parti che altresì esplicano il processo da seguire per partire dalle “necessità” e arrivare all’installazione funzionante, come ben riportato nella Figura 1 della parte 5 della norma “Considerazioni generali”

 

 

EMAIL    registrati    azienda

Commenta l'articolo 
o richiedi informazioni 

   Registrati ora
al sito 
 
Info
Azienda
 
Pubblicato in Normative

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2