Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Visualizza articoli per tag: Risparmio energetico

Novità dalle Aziende

  • Nuovo dispositivo per il test di tenuta dei guanti installati su isolatori e RABS

    Comecer (www.comecer.com) presenta Speedy Glove, il dispositivo portatile a batteria in rado di eseguire test di tenuta di guanti  installati
  • La soluzione più innovativa per il Test di Bowie Dick elettronico

    Fasinternational (www.fasint.it), dal 1977 fornitore di prodotti e servizi per garantire e implementare l'efficienza operativa di processi produttivi e da
  • Nuova partnership Microbiologics/Rigel Process & Lab

    Microbiologics (www.microbiologics.com), azienda leader nella produzione di ceppi ATTC(R) derivati liofilizzati, presente sul mercato da oltre 40 anni, ha siglato
  • Novità del Cleaning Out of Place (COP)

    Steelco Spa (www.steelcogroup.com), azienda italiana leader mondiale nella produzione di sistemi di lavaggio e sterilizzazione in ambito farmaceutico, ha di
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

In questo articolo si vuole proporre un razionale ed identificare degli elementi di attenzione per la scelta e la definizione di modalità di modulazione del funzionamento degli impianti HVAC

L. Arrighi (Amec Foster Wheeler) - Ascca News 3/2017

L'approccio logico nella definizione di un impianto HVAC per applicazioni nel settore farmaceutico presuppone prima di tutto l'identificazione dei parametri ambientali che influenzano in maniera diretta o indiretta la qualità del prodotto e l'operatività in sicurezza del personale addetto. Identificati i parametri ambientali si definiscono i range entro i quali questi parametri dovranno mantenersi. Alla luce di queste due verifiche il progettista prende in considerazione le condizioni concomitanti più gravose dette di design (ad esempio le condizioni atmosferiche esterne estreme o le condizioni operative nel reparto con maggior presenza di personale o macchinari in attività) e definisce quindi sia la configurazione che la "grandezza" dell'impianto.
Di riflesso la configurazione e la grandezza dell'impianto, definibile ad esempio con la quantità di aria trattata, determinano valori psicrometrici di progetto di aria esterna e di immissione trattata, di consumi termici, di consumi di umidifcazione, di consumi elettrici e in parte costi di manuntenzione e sostituzione periodica dei componenti soggetti a "esaurimento" quali i filtri? Ma come si trasformano queste potenze in costi? L'utente in linea di massima non paga le potenze ma l'energia che è il prodotto di potenza per l'intervallo di tempo. 
Ecco quindi che negli anni recenti abbiamo assistito a due filoni di analisi volti ad ottenere dei saving nei siti di produzione farmaceutica.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Farmaceutico

L’articolo è dedicato all’esame delle caratteristiche tecniche dei filtri di nuova generazione per articolato, sviluppati e presenti già oggi sul mercato, destinati agli impianti aeraulici sia nelle clean room sia nella ventilazione generale. In questo senso esiste un sicuro interesse comune da parte di tutti – progettisti, costruttori e utenti finali – al fine di ottenere il controllo della contaminazione ambientale attraverso uno sviluppo sostenibile della climatizzazione coniugando il miglioramento della qualità dell’aria interna con le esigenze gestionali

D. Zucchelli (Laboratorio di Prova - Divisione Filtri F.C.R.) - Ascca News 2/2004

Nella scelta dei filtri d’aria un aspetto importante, ma non sempre considerato, è quello gestionale in relazione al consumo energetico durante l’intero ciclo operativo e dell’impatto ambientale dopo il loro utilizzo. Un sensibile guadagno dal punto di vista del risparmio energetico è stato possibile già nel recente passato con l’introduzione di nuovi elementi filtranti innovativi a base di fibre di vetro e sintetiche con bassa caduta di pressione; tali tipologie di filtri sono rimasti tuttavia ancora poco noti a quanti si occupano di climatizzazione. Inoltre, attualmente ancora troppo pochi produttori si preoccupano dell’aspetto dello smaltimento degli elementi filtranti esausti, realizzando per esempio tasche flosce e filtri assoluti completamente inceneribili, così come già avviene per le tradizionali tasche rigide. Al tempo stesso, le accresciute esigenze di risparmio energetico, l’entrata in vigore delle nuove norme europee sulle prestazioni dei filtri (EN 1822:1998/2000 ed EN 779:2002) e le direttive comunitarie sulla gestione dei rifiuti hanno contribuito a suscitare una maggiore attenzione verso questi aspetti che sono di rilevanza sociale.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

 

 

Pubblicato in Filtrazione

Prosegue il discorso sui filtri di nuova generazione. In questa seconda parte, ci si sofferma sugli aspetti energetici e ambientali del filtro. Inoltre si traccia una breve situazione normativa tra passato, presente e futuro

D. Zucchelli (Clean-Tech System, Clima-T Service Srl- Garbagnate Milanese –MI) - C. Vergani (Deparia Engineering Srl - Calolziocorte – LC) - Ascca News 4/2006

I consumi energetici di un filtro per aria possono essere stimati conoscendo il valore medio delle perdite di carico mostrate durante la vita operativa, utilizzando la formula seguente:
         (QPT)
E = –––––––––
        (η 1000)

dove Q è la portata in m3/s
P è il valore medio delle perdite di carico in Pa
T è la durata della vita operativa in ore
η è il rendimento del ventilatore
Ad esempio, un tipico filtro ad efficienza medio-alta (F8-F9), nell’arco di un anno (8760 ore), a 1 m3/s di portata, avente una perdita di carico media di 250 Pa, richiederà 3129 kWh di energia elettrica, ipotizzando per il ventilatore un rendimento del 70%.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

Pubblicato in Filtrazione

Nell'impiantistica molti segnali indicano l'avvicinarsi di una nuova stagione per i filtri elettrostatici attivi grazie a tecnologie innovative mutuate dall'ambito normativo. Una nuova generazione di filtri a elevata efficienza e basse perdite di carico, che consentono un sensibile risparmio di energia rispetto alle tecniche tradizionali, promettono notevoli cambiamenti in un mercato divenuto più sensibile ai problemi energetici. Prospettive inattese si sono aperte di recente attraverso applicazioni in campo sanitario e medicale attraverso lo sviluppo di elementi filtranti in più stadi, integrati da metodologie già note

D. Zucchelli (Clean-Tech System, Clima-T Service Srl- Garbagnate Milanese –MI) - C. Vergani (Deparia Engineering Srl - Calolziocorte – LC) - Ascca News 3/2006

Sul mercato esiste una gamma estremamente ampia di filtri per la ventilazione in campo civile e industriale, realizzati da produttori nazionali oppure importati da Paesi europei o extraeuropei. Per la maggior parte, si tratta di filtri cosidetti “meccanici”, che basano la propria azione filtrante principalmente su meccanismi di intercettazione e collisione con una matrice formata da fibre di carta o di materiali sintetici. Una piccola frazione del mercato è invece rappresentata da filtri elettrostatici, caratterizzati da due diverse tipologie: di tipo passivo (formati da fibre sintetiche caricate elettrostaticamente) in cui le particelle vengono attratte e trattenute dalle fibre; di tipo attivo, chiamati precipitatori elettrostatici, in cui l’aria non attraversa una matrice fibrosa, ma un insieme di lamelle caricate da un generatore esterno, lungo le quali le particelle sono prima caricate e quindi fatte precipitare su una superficie tangenziale alla direzione del flusso. 

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

 

 

Pubblicato in Filtrazione

Il concetto di energy saving sta portando a modificare le modalità di gestione degli ambienti a contaminazione controllata. Sempre più vi è l’esigenza di ottimizzare i costi di gestione. Ciò si può ottenere attraverso tutta una serie di attività volte ad esaminare ogni aspetto del controllo particellare e microbiologico nonché le condizioni termoigrometriche della camera bianca (temperatura, umidità e pressione). Attraverso un caso di studio, viene presentata l’ottimizzazione dei costi di gestione in una cleanroom nella produzione di semiconduttori

A. Grioni (A&LCO Industries) - Ascca News 4/2009

Il concetto di energy saving sta portando l'orientamento della gestione delle cleanroom verso un nuovo approccio: ottimizzare i costi di gestione dell'ambiente a contaminazione controllata, intraprendendo tutta una serie di attività atte ad analizzare ogni aspetto del controllo particellare, microbiologico, della temperatura, umidità e pressione sotto una nuova luce. Grandi differenze sul metodo e sui risultati delle campagne di indagine intraprese dai cleanroom manager, sono da imputare soprattutto alle diverse tipologie di ambienti a contaminazione controllata esistenti nel panorama delle realtà produttive: le camere pulite delle industrie che producono semiconduttori sono gigantesche se paragonate a quelle farmaceutiche o agli ambienti sanitari in genere, quindi può essere interessante prendere in considerazione un caso reale scaturito proprio in quel settore elettronico che sta attraversando un momento di crisi profonda e quindi con un occhio più attento al risparmio energetico.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA
Per avere maggiori informazioni sull'articolo inviare un'e-mail

Pubblicato in Case study
Pagina 1 di 2

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2