Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Novità dalle Aziende

  • Una nuova generazione di pass-box

    Grazie a una vasta esperienza nella biodecontaminazione ambientale utilizzando sistemi a perossido di idrogeno a basse concentrazioni (<8%), AM Instruments (www.aminstruments.com) presenta un nuovo pass-box
  • Sistema automatizzato di disinfezione ad alto livello "no touch"

    Amil Care Italia (www.amilcareitalia.com) è un’azienda specializzata in progettazione, sviluppo e realizzazione di New Automated Technologies per standardizzare i processi di disinfezione in ambienti
  • Orologio da parete 4.0 Hazel(R) TEMPUS: più che un orologio...

    Hazel® TEMPUS è un orologio smart da parete progettato da DOS&DONTS (www.dos-donts.com) per applicazioni in ambienti a contaminazione controllata.Questo nuovo dispositivo può essere utilizzato
  • Sistema di abbigliamento integrato - Tuta Cyclop

    L’essere umano, all’interno di una cleanroom, è il più grande inquinatore e può avere un impatto negativo sul processo di produzione disperdendo particelle
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Gli impianti HVAC a servizio di una centrale di sterilizzazione sono deputati a contribuire significativamente al controllo della contaminazione interna ed allo stesso tempo a garantire adeguate condizioni di comfort microclimatico degli operatori. La sterilità dell'ambiente è il fattore chiave che deve essere garantito in una centrale di sterilizzazione. Tutti gli impianti a servizio della centrale di sterilizzazioen devono avere caratteristiche funzionali e realizzative peculiari, evidentemente differenti da quelle di altre aree o di altri reparti ospedalieri.
L'articolo si prefigge di illustrare la funzione e le caratteristiche degli impianti HVAC a servizio della centrale di sterilizzazione di un strutura ospedaliera in genere

G. Trovato (Studio Tecnico Ing. Gaetano Trovato) -  Ascca News 1/2020

Per ognuno dei sistemi attualmente disponibili per decontaminare un'area - che si tratti di VHP, HPV; vH2O2, atomizzazione, ultrasuoni, ionizzazione, qualsiasi sia l'approccio di validazione si pone il problema di convalidare un processo in modo quantificabile. Ciò costituisce la sfida, poiché ci sono molti parametri in gioro che influenzano il processo di decontaminazione "gassosa" a bassa temperatura: umidità, temperatura, concentrazione di H2O2, velocità di iniezione, tempo di esposizione e molto altro.
Nella pratica si tratta di fattori difficili da misurare e soprattutto che variano considerevolmente in base all'area da decontaminare. I tradizionali strumenti per la valutazione delle performance, come gli indicatori chimici e biologici, hanno reso il processo di validazione impegnativo. Gli EI sono uno strumento di convalida alternativo per il controllo delle prestazioni di un processo di decontaminazione, appositamente progettati e realizzati per questo scopo specifico.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati.
Clicca qui per registrarsi 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Ospedaliero

Quando si parla di contaminazione aerosospesa in ambito ospedaliero, si pensa subito alle sale operatorie. In realtà esistono altre "aree" - per esempio i reparti per il trattamento dei malati immunodepressi - dove tenere sotto controllo la contaminazione è importante. In questo articolo si mostrerà il caso pratico di una ristrutturazione di un piano destinato alla degenza e alla cura di malattie ematologiche.

B. Bedendo - C. Rossi (Sagicofim Spa) -  Ascca News 2/2018

Ancora oggi, uno dei problemi che riguardano la salute dei pazienti riguarda le infezioni nosocomiali causate da patogeni aerosospesi. Fenomeno che è purtroppo ancora lontano dall'essere debellato. Tuttavia, indagandone le cause, si scopre che si può davvero fare molto per ridurne la propagazione. E ciò vale sia per i reparti critici (immunodepressi, infettivi, blocchi operativi) che per le altre zone di degenza, di lavoro e di visita. Basterebbe infatti creare delle zone pulite all'interno dell'ospedale e imporre il rispetto di norme comportamentali ben precise per contenere ogni forma di contaminazione.
Il discorso riguarda gli impianti di ventilazione e condizionamento dell'ospedale (che possono trasformarsi in veicoli di infezione e di contagio, ma anche fornire protezioni e difese assai efficaci) e le procedure operative deputate a mantenere in pefertta efficienza i suddetti impianti.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Ospedaliero

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2