Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Novità dalle Aziende

  • Sistema di allestimento automatizzato e controllo del dosaggio per farmaci antineoplastici

    Bioduct (www.dedalus.eu), società del gruppo Dedalus, presenta Pharmoduct®, l’unico dispositivo automatizzato disponibile sul mercato ad aver ottenuto la certificazione come Dispositivo Medico di Classe I
  • Nuova soluzione ad isola per il bio-confinamento

    Elexind Spa (www.elexind.it) presenta ISOLA, un’ulteriore evoluzione della struttura di confinamento a contaminazione controllata Flexwalls Cleanroom in kit di montaggio, dedicata al bio-contenimento di grado BSL3
  • Nuovo contatore di particelle remoto resistente al VHP

    Particle Measuring Systems (www.pmeasuring.com) lancia sul mercato un contatore di particelle remoto di nuova generazione, per un monitoraggio della contaminazione delle cleanroom efficace e flessibile.IsoAir®
  • Processi di macinazione e micronizzazione a prova di polvere

    FPS (www.fps-pharma.com) è un’azienda italiana specializzata nella produzione d’impianti di micronizzazione e sistemi di contenimento e isolamento per la produzione di principi attivi farmaceutici; si
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ASCCA News sfogliabile

Durante la prima fase della pandemia dovuta a COVID-19, mentre il virus si diffondeva in tutto il mondo causando una parallela grave carenza di respiratori (soprattutto ad uso ospedaliero e sanitario), Comecer ha deciso di sfruttare la propria esperienza nella decontaminazione di isolatori farmaceutici mediante perossido di idrogeno, per realizzare una soluzione che conssentisse di riutilizzare in piena sicurezza i respiratori FFP2 e superiori. E' nato così DeconBoxTM - un sistema di bio-decontaminazione con VPHP per respiratori ed altri dispositivi. Nell'articolo viene dettagliatamente illustrata la campagna test svolta per accertare l'efficacia del sistema ed i sistemi ottenuti

R. Volta - G. Nicolini (Comecer) -  Ascca News 4/2020

DeconBoxTM è un sistema per la decontaminazione mediante perossido d'idrogeno (VPHP) di respiratori FFP ed altri depositivi. Esso è costituito da due elementi fondamentali: - una box dotata di flusso laminare e sistema a tenuta mediante guarnizioni gonfiabili, capace di contenere fino ad un  massimo di 100 respiratori a sessione, - un generatori di perossido d'idrogeno (VPHP). Il sistema è stato concepito come una soluzione modulare che consente di utilizzare un unico generatori VPHP collegato ad un massimo di 4 box (per una capacità massima decontaminazione di 400 respiratori a ciclo). La configurazione minima del sistema è composta da un generatore VHP ed una singola box: altre 3 box possono essere aggiunte come opzionali in fase di aquisto, o eventualmente come espansione del sistema in una fase successiva.
Il sistema è dotato di un pannello operatore (HMI) che consente di selezionare i cicli di decontaminazione mediante ricette standard in base al tipo di dispositivo che si intende decontaminare. I rapporti dei cicli eseguiti possono essere esportati tramite connessioni Ethernet o USB

 

EMAIL    registrati    azienda

Commenta l'articolo 
o richiedi informazioni 

   Registrati ora
al sito 
 
Info
Azienda
 



 

Pubblicato in Case study

L'utilizzo di sistemi VPHP integrati offre un processo sporicida versatile e automatico per camere bianche, isolatori, RABS, camere di trasferimento e pass-box. Nell'articolo verranno analizzati i criteri di progettazione nonché i fattori chiavi per ottenere un ciclo efficace

J. Klostermyer - B. Aze - A. Garcia - D. Eddington (Steris) -  Ascca News 3/2019

Il primo generatore di perossido di idrogeno in fase vapore (VPHP) portatile sviluppato all'inizio degli anni '90 fu progettato per decontaminare in condizioni NON-condensanti ed in modo efficace piccoli ambienti confinati, gestendone al contempo la pressione. Oggi, questi generatori, che generalmente utilizzano un modello di flusso d'aria a circuito chiuso, sono utilizzati prevalentemente negli isolatori, in piccoli ambienti e nei passa-materiali.
Se da una parte gli utilizzatori lavoravano per migliorare l'automazione dei processi, aumentare le dimensioni delle camere bianche, ridurre i tempi di ciclo e di standardizzare l'acquisizione dei dati, dall'altra venivano sviluppati generatori VPHP integrabili nei sistemi HVAC e controllati/monitorati dal sistema di gestione degli edifici (BMS).
Tecnicamente i generatori integrati sono progettati per vaporizzare velocemente il perossido di idrogeno in modo accurato e affidabile e per distribuire quantità predefenite di VPHP in una zona circostritta. A differenza dei generatori di VPHP portatili, le unità integrate funzionano con una serie di componenti esterni all'area soggetta a decontaminazione che forniscono, distribuiscono ed eliminano il VPHP dalla zona confinata.Il completto di questi componenti, è definito un sistema VPHP integrato.

 
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Pubblicato in Farmaceutico

Le interviste di ASCCA news

  • 1
  • 2