Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Norme
  • ISO 16980: un nuovo standard mondiale

ISO 16980: un nuovo standard mondiale In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il primo dicemntre dello scorso anno è stato pubblicato il nuovo standard mondiale, ISO 16890 "Air Filters for General Ventilation", riguardante il test sui filtri e la relativa classificazione in termini di efficienza in relazione al particolato (PM, acronimo di Particulate Matter). Per quel che riguarda il panorama europeo, la norma, promossa e sviluppata secondo il "Vienna Agreement" è stata adottata nelle settimane successive ed è stata pubblicata la corrispondente EN ISO 16890: al termine dei diciotto mesi di coesistenza tra la nuova norma e l'attuale EN 779:2012, quest'ultima lascerà spazio definitivamente alla ISO da poco entrata in vigore e diventerà obsoleta

M. Acerenza (Camfil Italia) - Ascca News 1/2017

La pubblicazione di questo standard rappresenta una vera e propria rivoluzione nel mondo della filtrazione per l'aria in quanto si tratta di una reale armonizzazione a livello globale nella classificazione dell'efficienza dei filtri. Per anni le aziende produttrici hanno dovuto confrontarsi con il fatto che gli standard di efficienza non fossero uniformi e avessero validità a livello locale; questo a sua volta ha reso difficile fino ad oggi per i consumatori il confronto semplice e diretto delle performance dei filtri aria presenti sul mercato. Oggi, grazie a questa visione gobale, verrà eliminata ogni sorta di confusione in merito.
Un ulteriore vantaggio della nuova classificazione della ISO 16890 consiste nel fornire le efficienze dei filtri in relazione alla reale distribuzione delle dimensioni del particolato che è presente nell'aria da filtrare: i filtri infatti verranno testati e misurati in relazione al PM1, PM2,5 e PM10 e particolato grossolano ISO, che si riferisce alle particelle aventi dimensioni maggiori, come ad esempio la sabbia; l'attenzione pervo il PM1, individuato come uno degli elementi presenti nell'aria più pericolosi per la salute umana, e il riferirsi a condizioni reali per la misura del comportamento dei filtri, porteranno ad un miglioramento della qualità dell'aria interna a beneficio della salute e dei processi produttivi.

 L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Ultima modifica il Giovedì, 30 Marzo 2017 18:54
Devi effettuare il login per inviare commenti