Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Ospedaliero
  • La convalida media fill all'interno del contesto farmaceutico ospedaliero

La convalida media fill all'interno del contesto farmaceutico ospedaliero In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

La convalida Media Fill all'interno del contesto sanitario pubblico svela nuovi interessanti contorni agli occhi degli operatori del settore. Il fatto che un servizio di convalida applicabile ai trattamenti asettici dei prodotti per la salute sia recentemente eseguito nella Farmacie Ospedaliere testimonia, infatti, un punto di svolta nel mondo della sanità verso un più efficace e rigoroso adempimento alle Norme di Buona Preparazione (le cosidette GMP) che fa delle Aziende Ospedaliere e Sanitarie sempre più dei luoghi di eccellenza nel trattamento dei pazienti.

G. Gasperoni (SDS Srl) - S. Nozza - V.P. Gatti - F. Gregis - M. Sottocorno - C.I. Marnella - L. Daminelli (ASST Papa Giovanni XXIII  Bergamo) - Ascca News 4/2017

Con l'introduzione in Itaia del modello centralizzato dei Servizi di Farmacia Ospedaliera e della successiva "Farmacia dei Servizi", con presenza territoriale, si è generato un tessuto nazionale ove il professionista di settore, il Farmacista, viene messo nell condiioni di dover garantire la qualità, l'efficacia e la sicurezza dei medicinali galenici ivi preparati, in particolare per quelli obbligaroiamente sterili, afferenti non solo al Laboratorio Oncologico (come i chemioterapici antiblastici) bensì anche ad altre aree della Galienica come il Laboratorio di Nutrizione Parenterale Totale (miscele per uso parenterale di nutrizione artificiale).
Laddove un galenico debba essere sterile ma non possa essere sterilizzato terminalmente (eludendo quindi il controllo sulla letalità nota del prodotto e - conseguentemente - la tracciabilità del SAL – Sterility Assurance Level -10-6) è necessario implementare un processo asettico di produzione con l'obiettivo di mantenere la sterilità dei prodotti utilizzati durante l'allestimento, in modo da minimizzarne il rischio di contaminazione da agenti microbici, pirogeni o particelle conseguenti alla manipolazione.
Il Farmacista Responsabile deve pertanto operare nel rispetto di suddett principi, organizzando, monitorando e documentando costantemente il processo di allestimento asettico del galenico in tutte le sue fasi, allo scopo di creare e consolidare un efficiace sistema integrato di gestione.

L’articolo è disponibile nella versione integrale in formato pdf solo per i soci ASCCA e per gli utenti registrati
Commenta l'articolo o richiedi informazioni mandando un'e-mail

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Dicembre 2017 14:15
Devi effettuare il login per inviare commenti