Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Intervista a AM Instruments Srl

Vota questo articolo
(0 Voti)

Ci sono aziende il cui nome viene subito associato al controllo della contaminazione, per quanto riguarda la fornitura di prodotti e di servizi. AM Instruments, è una di queste. Da quasi 30 anni è infatti uno dei principali partner dell’industria farmaceutica. Ne abbiamo parlato con Roberto Fossati (Amministratore Delegato)

Iniziamo con una breve storia di AM Instruments

AM Instruments® nasce nel 1990 ed è oggi una realtà di oltre 100 persone con 4 sedi in Europa ed un fatturato che supera i 24 milioni di Euro. Essere la prima azienda riconosciuta GMP oriented nel settore del controllo della contaminazione nel mercato life sciences è  nostra missione aziendale.

Quali sono i settori a cui vi rivolgete e che copertura avete (nazionale e/o internazionale)

I prodotti e i servizi proposti da AM Instruments® si rivolgono principalmente al mercato life sciences con particolare attenzione al mondo farmaceutico. Abbiamo una rete commerciale che copre tutto il territorio nazionale e distributori internazionali in Europa e nel mondo.
L’azienda è strutturata per essere l’interlocutore chiave della supply chain farmaceutica con prodotti GMP di alta qualità ed un servizio di eccellenza.

Siete sul mercato da molti anni. Quali sono i vostri plus? 

La trasparenza dei rapporti con clienti e fornitori, l’orientamento al cliente, il rispetto dei ruoli e la continua ricerca del nuovo ci hanno portato ad essere l’azienda di riferimento nel nostro settore.
I nostri clienti riconoscono in noi un’azienda affidabile, competente, creativa e innovativa.
La nostra azienda si avvale di figure manageriali di alto livello e di un personale tecnico costantemente aggiornato. Ciò che ci contraddistingue è proprio la nostra capacità di offrire soluzioni alle problematiche legate al controllo della contaminazione: i nostri commerciali sono prima di tutto dei consulenti, delle persone che mettono a servizio del cliente la loro esperienza e la loro competenza.
Tutto questo acquista ancor più significato se consideriamo che, fin dal 1990, il 100% degli utili prodotti dalla società viene reinvestito per sostenere la crescita aziendale.
Questa scelta strategica ci permette di sostenere investimenti continui e ci consente di affrontare i cicli di crisi economica nazionale e internazionale con forza e consapevolezza.
Il nostro fatturato è da sempre in crescita. Da anni siamo nella classifica delle prime 500 aziende del distretto Monza e Brianza che, come è noto, è uno dei più importanti a livello europeo. Di recente inoltre abbiamo ricevuto il premio “Campioni della Lombardia 2019”, assegnato alle 400 PMI che hanno trainato la ripresa.

Siete un’azienda sempre in “movimento”. L’ultima creazione è Pharmaclean®, ne vogliamo parlare?

AM 1Pharmaclean® nasce da un’approfondita ricerca di mercato che ha evidenziato la necessità di avere una produzione europea di prodotti e soluzioni che creino una barriera alla contaminazione microbica e particellare. L’idea ha preso forma con la realizzazione di una zona produttiva in cleanroom di Grado A/C.
Abbiamo investito 3 milioni di Euro per la struttura di grado farmaceutico, per le macchine di produzione in linea con la direttiva Industria 4.0, per la strumentazione necessaria al laboratorio di Controllo Qualità e per il reclutamento e la formazione di personale qualificato, in maggior parte proveniente dal settore farmaceutico.
Abbiamo un catalogo con oltre 200 prodotti sterili e non sterili, clienti in Italia e nel mondo ed abbiamo ricevuto molti audit che hanno avuto come esito la qualifica della produzione e dei prodotti Pharmaclean® presso aziende farmaceutiche multinazionali. 
La nostra capacità di risposta immediata alle richieste di prodotti standard ma soprattutto di quelli realizzati su specifiche del cliente è uno dei motivi del successo di Pharmaclean®. Il nostro team formato da figure commerciali, produttive, R&D, QA e QC e la conoscenza delle esigenze farmaceutiche e delle GMP ci hanno permesso di soddisfare le richieste di soluzioni in tempi brevi, a costi adeguati e con un elevato livello qualitativo.
Pharmaclean® offre anche un servizio di riconfezionamento in singolo, doppio, triplo imbusto, seguendo un protocollo stabilito e definito da un Quality Agreement che garantisce al nostro cliente la qualità e la ripetibilità del prodotto finito.
Il progetto Pharmaclean® è in continua evoluzione con nuovi prodotti e nuovi servizi.

Anche a livello di prodotto siete sempre innovativi…

Una delle novità più interessanti recentemente introdotte sul mercato è My&Clean+®, un sistema brevettato per la sanitizzazione delle mani guantate che garantisce la completa tracciabilità delle operazioni.AM 3
Si tratta di un vero e proprio nuovo concetto di disinfezione che non solo risolve le problematiche di consistenza e affidabilità del dato, ma elimina il rischio di contaminazione crociata.
Un sistema unico nel mercato mondiale sviluppato e realizzato totalmente in Italia con un design inconfondibile.
La nuova versione di MyPage+®, un sistema di messaggistica broadcast che rende la comunicazione in cleanroom estremamente semplice, supporta il lavoro degli operatori, con testi, immagini, video e orario. La connessione ai sistemi SCADA permette inoltre di visualizzare i valori di temperatura, umidità, conteggio particellare, etc.
Questi prodotti, così come tutti quelli che nascono dalla nostra ricerca e sviluppo, sono il frutto del confronto costante con i nostri interlocurtori per rispondere alle loro reali necessità.

Si diceva prima che i vostri commerciali sono prima di tutto dei consulenti. Questo richiede un continuo aggiornamento professionale. Quanto è importante la formazione del personale in AM Instruments?

La crescita aziendale non può prescindere da una corretta e continua formazione del proprio personale. Nel corso degli anni abbiamo sviluppato ed implementato corsi di formazione interni o presso enti qualificati. In particolare, nel 2015, abbiamo avviato il programma “GMP Oriented®” che prevede la formazione del 100% del personale aziendale sulle cGMP farmaceutiche. I corsi vengono tenuti da QA, QP, auditor certificati sia interni che esterni all’azienda. Questo programma ci ha consentito di creare una sinergia con i nostri clienti sia dal punto di vista operativo che degli obiettivi. È l’approccio con il quale ciascuno di noi affronta il proprio lavoro, qualunque sia il ruolo all’interno dell’organizzazione. Nel tempo, inoltre, abbiamo avviato contratti di consulenza con aziende e università, alcuni dei quali tuttora in essere.
Le persone da sempre rappresentano il nostro capitale umano e come tale lo rispettiamo e lo valorizziamo.

Operate in un campo caratterizzato da richieste regolatorie molto restrittive. In un qualche modo la vostra produzione ne è influenzata?

Sicuramente il settore life sciences è sottoposto a rigide richieste normative in continua evoluzione. In qualità di fornitori dell’industria farmaceutica è nostra cura individuare dalle nuove esigenze soluzioni di qualità per il controllo della contaminazione.
Un esempio è il Cart2Count, il nuovo carrello flussato autoalimentato con monitoraggio in continuo a bordo, nato da esigenze sorte in sede di ispezione relative al trasferimento di prodotti critici tra zone sterili passando per aree a classificazione inferiore (vedi Ascca News 1/2019).

Siete una realtà dinamica. Quali sono i progetti per il futuro?

AM 2Investiamo in continuazione sulle nuove tecnologie IT per permettere all’azienda di essere competitiva. Il server aziendale e la struttura IT collegata vengono rinnovati totalmente ogni tre anni ed adottiamo sistemi e software sempre aggiornati, con una particolare attenzione alla protezione dei dati aziendali che sono una parte imprescindibile e strategica del nostro patrimonio.
Con l’acquisizione di nuove strutture industriali stiamo dando maggior spazio al reparto produttivo AMTech® dove realizziamo e assembliamo i nostri strumenti, gli impianti a flusso laminare, gli impianti di biodecontaminazione e di monitoraggio particellare e microbiologico. Saranno inoltre aumentati gli spazi legati alla logistica per consentire lo stoccaggio e la gestione di oltre 2.000 pallet.
Stiamo investendo in persone e mezzi finalizzati sia verso il marketing tradizionale, ma soprattutto verso i nuovi mezzi di comunicazione.
La comunicazione è il nostro cuore pulsante. Comunicare per noi vuol dire non solo mettere a disposizione continua del cliente le nostre competenze e il nostro know-how, ma anche i nostri spazi e il nostro tempo per creare occasioni di scambio e confronto tra professionisti del settore. Da anni organizziamo Ride the Future®, eventi ciclici che consentono ai nostri clienti di confrontarsi sui temi più importanti relativi al controllo della contaminazione.
Il nostro futuro passa anche attraverso il reparto di Ricerca e Sviluppo. A breve verrà inaugurato un nuovo laboratorio R&D attrezzato con un parco macchine e strumenti di nuova generazione a disposizione dei nostri giovani e motivati ricercatori.
Prima di chiudere un’ultima considerazione. Il processo di condivisione a tutti i livelli degli obiettivi aziendali garantisce una maggior partecipazione al raggiungimento degli stessi e aumenta il senso di appartenenza ma, soprattutto, è garanzia per il nostro futuro.
I passati 29 anni sono stati entusiasmanti ma il meglio deve ancora venire.

Pubblicato in Ascca News 2/2019

 

Ultima modifica il Giovedì, 20 Giugno 2019 09:34
Altro in questa categoria: « Intervista a It Health Fusion
Devi effettuare il login per inviare commenti