Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

  • Home
  • Rubriche
  • Novità dalle aziende
  • Sistema di generazione di biossido di cloro gassoso per ambienti farmaceutici, di ricerca e laboratori

Sistema di generazione di biossido di cloro gassoso per ambienti farmaceutici, di ricerca e laboratori

Vota questo articolo
(0 Voti)

Rigel Life Sciences (www.rigel-ls.com), da 10 anni impegnata nel settore del controllo della contaminazione in cleanroom e ambienti confinati, presenta ClorDisys, azienda statunitense che offre soluzioni affidabili e altamente efficaci per tutte le esigenze di biodecontaminazione.
Utilizzando biossido di cloro gassoso, ClorDiSys è in grado di eliminare tutti i contaminanti microbiologici, inclusi batteri, virus, muffe e spore. Il biossido di cloro è sicuro sui materiali e senza residui post trattamento.
Il ClorDiSys Cloridox-GMP è un sistema di generazione di biossido di cloro gassoso progettato per l'uso in qualsiasi ambiente farmaceutico, produttivo, di laboratorio o di ricerca. Il Cloridox-GMP fornisce un metodo rapido e altamente efficace per biodecontaminare ambienti fino a 2.000 metri cubi, inclusi isolatori, Passthrough, camere bianche, liofilizzatori e sterilizzatori a vapore.
Il Cloridox-GMP è portatile nel design e può essere facilmente posizionato in ogni struttura. Il sistema è dotato di un sofisticato sistema di monitoraggio fotometrico della concentrazione dell’agente sterilizzante che consente un processo di biodecontaminazione strettamente controllato, coerente e facile da convalidare. Quando i cicli di biodecontaminazione sono completati, viene prodotto un record di esecuzione che può anche essere registrato elettronicamente sull'unità USB inclusa. L’unità di controllo presenta un sistema di gestione degli utenti e delle ricette protetto da password con trend cronologico e in tempo reale dei dati del ciclo.

Per richiedere ulteriori informazioni inviare un'e-mail
Ascca News 1/2018

Ultima modifica il Martedì, 27 Marzo 2018 11:33
Devi effettuare il login per inviare commenti