Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Nuova soluzione ad isola per il bio-confinamento

Vota questo articolo
(0 Voti)

Elexind Spa (www.elexind.it) presenta ISOLA, un’ulteriore evoluzione della struttura di confinamento a contaminazione controllata Flexwalls Cleanroom in kit di montaggio, dedicata al bio-contenimento di grado BSL3 per il settore della ricerca, ospedaliero e farmaceutico.
Completamente stand alone, ISOLA è finalizzata a facilitare l’assemblaggio in opera senza impiego di particolari attrezzature o personale specializzato e a rendere possibile l’installazione all’interno di locali anche non particolarmente accessibili per le strutture tradizionali.
Il contenimento biologico è ottenuto con lo studio di un layout ottimizzato che prevede una precamera d’ingresso AIRLOCK, accessori per l’uscita di materiale infetto o per l’interfacciamento di apparecchiature ed impiantistica di processo a parete, una struttura di confinamento dalle ridottissime perdite. Prevede una doppia barriera in ingresso ed uscita dell’aria mediante filtrazione HEPA, una doppia sezione filtranti HEPA in espulsione per ridondanza di sicurezza ed un modulo di estrazione autoventilante di concezione industriale per uso continuativo e dalle prestazioni elevate con sistema di sanificazione della superficie filtrante lato sporco.
La modularità del sistema ISOLA consente la realizzazione di aree complesse per 2 o più postazioni fino alla creazione di reparti veri e propri.
Offre svariati vantaggi tra cui la realizzazione in KIT di montaggio, moduli componibili, costi contenuti, un’elevata luminosità che riduce il “fattore isolamento”, prestazioni di isolamento elevate ed una fornitura rapida. Per i settori più esigenti, ISOLA può essere una soluzione efficace e molto conveniente anche per soddisfare la richiesta di sistemi di contenimento in ambiti non attrezzabili con impiantistica tradizionale perché troppo onerosa, poco flessibile e dai tempi di approntamento lunghi.

Per richiedere ulteriori informazioni inviare un'e-mail
Ascca News 4/2020

Ultima modifica il Giovedì, 17 Dicembre 2020 10:05
Devi effettuare il login per inviare commenti